Notizie Italia

Pubblica amministrazione, in Italia più pensionati che lavoratori: il sorpasso nel 2021



“Un numero in crescita costante e destinato a salire perché i pensionabili oggi sono molti”, si legge ancora nello studio presentato in apertura di “FORUM PA 2020 – Resilienza digitale”, la manifestazione dedicata ai temi dell`innovazione e della trasformazione digitale come risposta alla crisi, organizzata da FPA, società del Gruppo Digital360. Inoltre, l’uscita anticipata, è stata “parzialmente accelerata da Quota 100“.

 

Ad oggi, il personale stabile della Pubblica amministrazione che ha compiuto 62 anni è pari a oltre 540mila persone, il 16,9% del totale, e sono 198mila i dipendenti che hanno maturato oltre 38 anni di anzianità. La fotografia tracciata dall’indagine di Fpa è quella di una P.a. anziana, in cui l’età media del personale è di 50,7 anni, con il 16,9% di dipendenti over 60 e appena il 2,9% under 30. Una P.a. in cui 4 dipendenti su 10 hanno la laurea, ma gli investimenti in formazione si sono quasi dimezzati in dieci anni, passando dai 262 milioni di euro del 2008 ai 154 milioni del 2018: 48 euro per dipendente, che consentono di offrire in media un solo giorno di formazione l’anno a persona.

 

I servizi saranno il comparto più coinvolto dalle uscite: 53mila dalle Regioni e dalle autonomie locali (il 12,6% del comparto), 98mila dalle amministrazioni locali e territoriali. Nelle amministrazioni centrali il 13,5%, nella Presidenza del Consiglio e nella Carriera prefettizia il 20,6%. Dal Sistema sanitario nazionale, in prima linea nella gestione dell`emergenza Covid-19, potrebbero uscire nei prossimi 3-4 anni oltre 100mila persone, il 16,3%.





Source link

Leave a Reply